La scoperta di Kalymnos

La scoperta di Kalymnos
conversazione con Andrea Di Bari

12 agosto 2014, ore 11.25.33
– Ciao Alessandro come stai tutto bene?
– Grazie, sì. E tu? Io sono stato a Kalymnos ad aprile, bellissimo. Grazie di averla scoperta…

La copertina di Rotpunkt (marzo-aprile 1999) dedicata ad Andrea Di Bari e a Kalymnos
DiBari-Copertina Rotpunkt

– Bene, sì Alessandro, è una cosa strana… mi giungono da tanti anni ringraziamenti per questa storia… io non so che dire… come avrei potuto non fare quello che ho fatto, cioè chiodare quei primi 46 tiri? Era una cosa che andava fatta, non ci avrei dormito la notte non facendola.
Tu sempre attivissimo con le tue cose vedo…

Andrea ed Elena sul traghetto
DiBari-Elena e andrea su traghetto teneri

Un giorno prima della scoperta delle rocce, Andrea in completo ozio
DiBari-Kalimnos luglio 1996 il giorno prima della scoperta

– Con gli anni meno ghiaccio e roccia e più penna (o meglio, tastiera). Tu allora avresti potuto, diversamente, fare il turista distratto. Come te ha fatto Adriano Trambetta a Positano, ma lì non sono mai stato. Pare si stia avviando, dopo Kalymnos e San Vito lo Capo a essere il terzo polo della scalata sportiva nel Mediterraneo. Ai tempi di Mezzogiorno di Pietra manco l’avevo visto..

La scoperta della grande grotta. Andrea è affascinato
DiBari-Andrea in grande greotta a naso nsù
– Che ti devo dire, pensa, era il 1996, in vacanza marinara con mia moglie. Volevamo girarci le isole più interessanti del Dodecaneso, anzi era stata lei a pianificare tutto: ce ne andiamo a Kos, poi Kalymnos, ecc. Con le pinne e la maschera, tre giorni per isola: anche a Kalymnos siamo stati i tre giorni dedicati, pigramente in zona Pothia e poco altro.
L’ultimo giorno, avevamo l’aliscafo nel pomeriggio, vincendo la pigrizia noleggiai un motorino, dissi a Elena: – L’isola è piccola, facciamoci un giretto, tanto qui non ci torneremo mai più… Così facemmo e appena girata quella curva mi prese un colpo con tutto quel ben di Dio… ovvio che col carattere che ho dieci mesi dopo fummo di nuovo lì con due trapani e 600 spit.

Il bidone pieno di spit sbarca a Pothia
DiBari-Andrea e vincenzo bidone di spit

Andrea stringe un dado ad ArchéDiBari-Archè,andrea chioda e stringe dado

Andrea e gli immancabili ray-ban
DiBari-dibari0001

– Con chi sei tornato?
– Nel 1997 avevo una scuola indoor di arrampicata a Roma con tanti allievi, quindi pensai di fare uno stage di fine anno come sempre… ma lì… partii una settimana prima della data di inizio con mia moglie, e tre amici. Spittammo 30 vie in una settimana, tutte facili per gli allievi, poi le altre nei giorni seguenti.
Poi tornai con Andrea Gallo a ottobre per fare un servizio fotografico per far conoscere l’isola a livello internazionale.
Infine, non ci crederai, ma non ci sono più tornato per sette anni!

La famosa grotta di Kalymnos
DiBari-grande grotta dai poeti

– Ma secondo te è stato l’articolo di ALP a far conoscere così rapidamente l’isola o c’è stato altro?

Pagina interna di Rotpunkt: Andrea Di Bari su Syrene (7b+), Kalymnos
DiBari-Interno due rotpunkt Sirene

– No, Andrea ha fatto uscire l’articolo anche in Germania su Rotpunkt, poi forse altre riviste ancora. Quindi sono arrivati i tedeschi e in breve da ogni dove.
Quando ero là a ottobre 1997 con Andrea Gallo dissi al sindaco e a Stefanos, il nostro affittacamere, di spendere due soldi, comprare un trapano, segnare i sentieri e poco altro perché ero convinto che sarebbe successo quello che è poi davvero successo! E loro mi hanno dato retta, investendo solo pochi spiccioli…
Comunque Alessandro caro, come te passo la maggior parte del mi tempo su una tastiera, prendendomi i dovuti piacevoli miei tempi per scalare ancora con i miei più cari amici… qui intorno a casa mia è pieno di falesie. Anzi, quando capiti in zona fatti sentire, ci tengo!

Gli allievi scalano a Odissey sulle vie da poco chiodate
DiBari-Maggio 1996 Kalimnos Allievi ad odissey X

Elena pure non sta indietro
DiBari-licimnio elena mano bassa 8

 Maggio 1997, Kalymnos: il trio da combattimento. Da sinistra, Maurizio Roveri, Andrea Di Bari, Alfredo Smargiassi          DiBari-Kalimnos maggio 1997 Trio da combattimento X da ds,Alfredo Smargiassi,A.DiBari, Maurizio Roveri
Accanto alla mitica Nissan rossa noleggiata (con le gomme lisce e spaccate), sotto ad Arché. Da sinistra, un allievo, Elena, Andrea e Maurizio Roveri. Stanno per salire e chiodare i primi storici tiriDiBari-Sotto archè, da sn, vincenzo elena andrea e maurizio Roveri

– Dove abiti?
– Vivo a Terni da circa 25 anni. Ma tu ti ricordi 30 anni fa in Verdon? Con Marco Bernardi e Davide Marnetto?
– Ma certo, sulla Trogobule!
– Io legato con Marco e tu con Davide…
– Ti mando una foto, di sicuro non ce l’hai…
– Ricordi come piangeva di rabbia Davide, lui che odiava le fessure?
– Beh, noi ridevamo come degli animali…
– Aspetto la foto, allora.
– Ok, buona giornata.
– A te Alessandro, a presto. È stato un piacere, e grazie del pensiero.

Andrea Di Bari sulla seconda lunghezza di Troglobule, Verdon. Lo assicura Marco Bernardi.
Andrea Di Bari assicurato da M. Bernardi su Troglobule (Gorges du Verdon, Provenza, Provence). 28.04.1984

Naturalmente sono subito andato nella mia biblioteca e ho riesumato ALP n. 168 (aprile 1999). L’articolo lo ricordavo vagamente, e l’ho riletto come fosse la prima volta. In Calanques, a Finale Ligure, in Valle del Sarca, Valle dell’Orco e Val di Mello gruppi di gente varia, più o meno limitrofa, aveva aperto le vie. Sì, è vero, qualche guru c’era stato. Un Ivan Guerini per la Val di Mello, un Alessandro Grillo per Finale… ma in genere l’esplorazione e l’apertura degli itinerari in tutti quei luoghi avvenne grazie a gruppi di persone. Si rincorrevano da una domenica all’altra, davano sfogo a creatività e un po’ di competizione. Altrettanto eterogenei furono dopo le chiodature e le ri-chiodature, seguendo stili diversi e tradizioni diverse. Kalymnos ha seguito un iter suo particolare, l’arrampicata è nata subito come sportiva, senza alternative. Così anche Positano. E così si avvia con decisione a essere anche San Vito lo Capo.

postato il 2 novembre 2014

0
La scoperta di Kalymnos ultima modifica: 2014-11-02T07:30:20+00:00 da Alessandro Gogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *