Le vie del vecchio Max

Le vie del vecchio Max Niedermann
di Marco Lanzavecchia (post tratto dal forum Fuorivia del 18 settembre 2012)

Trasferisco una parte (la mia) di un thread su Planet Mountain sulle vie di Max Niedermann.
Tanto per cominciare l’era un bel giuinott con manone come badili e braccine da signorina:

Niederman-1.7434075.1283501709che l’è vegnù vecch (una delle migliori doti che può avere un ‘rampicatore) ed è un arzillo nonnino:

Niedermann-220px-Max_Niedermann

In questa foto direi che è a Ponte Brolla…

Questo thread mi piacerebbe che venisse completato e integrato da chi ne sa e ne ha esperienza, visto che molte delle più famose vie di questo forte scalatore sguizzo non sono molto frequentate dai climber nostrani…

Io conosco personalmente la Zwillingturm del Salbit, la Graue Wand (quella sulla parete grigia vera e propria, c’è pure quella sulla Rote Platten), il Gross Bielenhorn (che ho rifatto la settimana scorsa)
Niedermann-424746_10151303265051328_1050643247_n

 

 

 

 

 

 

e il Bockmattli. Tutte molto belle, nessuna stupida, forse già sufficienti ad avere l’impressione di che tipo di scalatore fosse l’amico.
Poi ho guardato molte volte il Piz Val della Neve, che è abbastanza frequentata dagli italici, e ho sentito parlar bene di quelle al Raetikon da Giovanna (Giò67) ma ora non ricordo se fossero notizie di prima mano.
Per quello che riguarda il Val della Neve mi dispiace che di solito quando uno va in Albigna è in modalità svacco e la parete è frequentemente bagnata… per ora è rimasto un progetto ma spero di rimediare. Comunque ci sono molte notizie e immagini in rete… tra l’altro probabilmente è una delle poche con non sia stata sanificata da una richiodatura più o meno abbondante a spit.
Rubo un’immagine al medesimo Michele Cisana a cui debbo anche la foto del nostro avanti con gli anni:

Niedermann-Pizzo Val della Neve - Niedermann

L’elenco delle principali (pare ne abbia fatte una cinquantina!), preso da http://de.wikipedia.org/wiki/Max_Niedermann_(Bergsteiger)
dovrebbe essere:
1953, 10.8. Erster Kreuzberg, parete nord, Flugroute, con Hans Frommenwiler
1954, 28.5. Zweiter Kreuzberg, diedro sud, con Seth Abderhalden
1954, 12./13.8. Wetterhorn, parete nord via diretta, con Seth Abderhalden
1954, 6.9. Grosser Drusenturm, pilastro sud (Schweizerpfeiler) con Wisi Fleischmann
1955, 1.5. Hundstein, diedro sud, con Wisi Fleischmann
1956, 27.5. Salbitschijen Zwillingsturm, parete sud-est, con Franz Anderrüthi
1956, 1./2.8. Gross Bielenhorn, parete sud-ovest, con Franz Anderrüthi
1956, 16.9. Grosser Bockmattliturm, parete nord via diretta, con Peter Diener
1957, 10./11. 6. Scheienfluh, parete ovest, con Peter Diener
1957, 25.8. Kingspitz, pilastro nord, con Franz Anderrüthi
1959, 15.7. Tellistock, parete sud-ovest, con Dietmar Ohngemach
1962, Graue Wand, pilastro sud-est, con Ralf Deseke
1964, 13./14.9. Graue Wand, con Werner Sieber
1965, 5.8. Winterstock, pilastro sud-est, con Werner Sieber ed Ernst Renner
1967, 16.7. Galenstock, parete sud, con Ernst Renner
1972, 23.7. Gross Bielenhorn, cima principale, pilastro sud-ovest, con Bruno Nedela e H. Tischhauser
1978, 17.9. Graue Wand, Rote Platten con Eugen Näf
1980, 24.8. Bergseeschijen, parete est, via diretta, con Pankraz Hauser

Curiosamente in questo elenco manca il Piz Val della Neve, già citato e, come da segnalazione di LucaB di PlanetMountain la Linker Silberi al Silberspitz nel gruppo dei Churfirsten (San Gallo). Si può trovare la relazione su http://www.go2climb.ch .
Di quelle che non conosco la Nord del Wetterhorn deve essere un vero vione (si capisce anche solo guardando la paretazza).
Curioso il fatto che Max abbia aperto anche vie sul Tellistock e sulla Kingspitze che però non sono diventate classiche. Al Tellistock lo è diventata la Inwyler-Bielmayer (bellissima) e sulla Kingspitze la Nord-ovest (quella che c’è sulle Cento Scalate estreme di Walter Pause) che ho fatto, ma non mi ricordo chi ha aperto.

A proposito di quelle al Ratikon lo stesso LucaB segnala che sono due: il Pilastro della Grosser Drusenturm e la Parete ovest della Schijenfluh. La seconda è molto meno ripetuta e crede (direi a ragione) anche assai più dura. La prima l’ha fatta tre anni fa e ha anche aperto un post su PlanetMountain. Qui dicono qualcosa sulla seconda: http://www.gipfelbuch.ch/gipfelbuch/detail/id/49118

Io poi ho trovato un report in lingua teutone: http://www.rocksports.de/forum/showthread.php?tid=626 da cui si evince che è una via difficile (7a) e impressionante, cui è stato aggiunto qualche spit.

Le foto dell’arrampicata, sgraffignate al reporter, sono comunque belle impressionanti:

Niedermann-548238_10151312305456328_171654063_n

Dai… Sotto a chi tocca! Che altrimenti gli orientales ce la stramenano con la Stosser alla Tofana!

Niedermann-DSCF5350_799x600Questo toro è quello all’attacco (o meglio ex attacco… ora c’è un tiro in più per il ritiro del ghiacciaio) del Gross Bielenhorn…

Grosser Drusenturm, Schweizerpfeiler
Niedermann-10_Schweizerpfeiler_Routenverlauf_Rocksports

Note di LucaB:
Delle quaranta (vie di Max Niedermann) quelle note e ripetute sono una decina:
– la Flugroute al Primo Kreuzberg nell’Alpstein http://www.hikr.org/tour/post16654.html
– il Diedro Sud all’Hundstein sempre nell’Alpstein http://www.topodb.ch/index.php?function=display&object=Sector&level=sector&id=547
– la via Linke Silberi al Silberspitz nei Churfirsten http://www.go2climb.ch/go2climb.ch/Topo_files/Silberspitz_linker.pdf
– le due al Raetikon di cui si diceva sopra (Schweizerpfeiler alla Grosser Drusenturm e Westverschneidung (diedro ovest) alla Schijenfluh)
– la parete nord-ovest del Piz di Val della Neve in Albigna
– le cinque principali aperte nelle Alpi Urane (Graue Wand, Gross Bielenhorn, Zwillingsturm del Salbit, cresta sud-est del Winterstock e diedro sud del Tiefenstock. Tiefenstock: http://frank-nebbe.de/topos/tiefenstock_s.pdf; Winterstock: http://frank-nebbe.de/topos/winterstock_SE.pdf

Da quello che posso capire la sua realizzazione principale è sulla Nord dello Scheideggwetterhorn, aperta nel 1954 con Seth Abderhalden. Stranamente questa via è poco ripetuta: 1600 metri di sviluppo, 58 lunghezze di corda, difficoltà fino a VIII/VIII+.

niedermann0001_resize

Questa via è sulla stessa parete di Baston la Baffe (viazza moderna cattiva ripetuta recentemente da Matteo Della Bordella e Fabio Palma), ed è descritta su 100 scalate estreme di Walter Pause a pag. 46 (NdR).

Max Niedermann
Niedermann-220px-Max_Niedermann1

 

0
Le vie del vecchio Max ultima modifica: 2014-12-30T07:30:40+00:00 da Alessandro Gogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *