Libertà in montagna e responsabilità giuridica

Libertà in montagna e responsabilità giuridica
di Luca Calzolari
(Editoriale Montagne360, numero di marzo 2014)

“Egregio dottor Raffaele Guariniello, Le sottoponiamo le nostre riflessioni in fatto di giudizio in sede civile e sede penale per cause concernenti l’attività in montagna. Chiariamo subito che non Le scriviamo per auspicare una “giustizia speciale”, o “tribunale della montagna”, che conosca la materia e i principi di fondo evidenziati nella lettera. Le scriviamo … perché riteniamo che Lei personalmente debba essere messo a conoscenza della filosofia di coloro che reputano essenziale forma di libertà il muoversi su terreno di avventura montana”. Così inizia la lettera aperta che l’Osservatorio per la Libertà in Montagna e in Alpinismo – nato in seno al CAI – ha inviato al Pm torinese che sta indagando su alcuni casi d’attività fuoripista che hanno provocato una valanga (il testo della lettera è su www.loscarpone.cai.it, cliccare qui). Credo che l’iniziativa dell’Osservatorio sia importante.
La prima ragione, che va oltre la questione delle indagini a cui accennavo, è che al ricomparire della neve sono fiorite le ordinanze di chiusura di versanti e i divieti di accesso alla montagna.

M360_copertina_marzo_2014_small

È quindi imperativo far conoscere il punto di vista di chi pratica l’avventura in montagna, e con questa iniziativa probabilmente si riuscirà a parlare non solo a giudici e magistrati. La seconda riguarda il modo in cui l’Osservatorio si pone. Innanzitutto perché la lettera non è ‘rivendicativa’, non chiede una giustizia speciale, ma affronta la questione entrando nel merito. Il testo è organizzato per punti che affrontano i concetti chiave: libertà come diritto, consapevolezza, responsabilità individuale. Libertà che si oppone alla visione no limits del consumatore della montagna. E poi rischio e sicurezza. I concetti di consapevolezza e di responsabilità vengono esaminati anche in chiave giuridica, evidenziando una questione, a mio modo di vedere, essenziale: “il punto – si legge nella lettera – è dove si pone il limite per un’azione legale nei confronti di un atto di cui l’alpinista è responsabile. Il concetto di consapevolezza si mescola fino a un certo punto con quello di responsabilità giuridica, … ”. Il documento si addentra nel caso di specie dell’incidente da valanga, evidenziandone gli aspetti normativi e quelli culturali. Le conclusioni invitano a tenere conto della diversità delle attività in montagna: lo sci in pista è sport, il fuoripista è attività d’avventura: “chi si avvale degli impianti di risalita e poi scende fuori pista confonde le due attività … È pronto a essere lui la prima vittima “inconsapevole” di se stesso”. Lo sforzo compiuto dall’Osservatorio, a mio avviso ben riuscito, è stato produrre un documento chiaro che coniuga riflessione culturale e giuridica, senza mai involvere nella filosofia di scuola e/o nell’eccessivo specifico tecnico della norma. Il risultato è uno strumento di riflessione tematica a disposizione di tutti, magistrati e laici. Credo che questa iniziativa possa, sia aiutare la società tutta a conoscere le tematiche a noi care, sia aumentare il bagaglio culturale della comunità giuridica – se posso chiamarla così – sulla pratica dell’avventura in montagna. Auspico anche dei tanti inconsapevoli della montagna. Io sono cautamente ottimista.
Luca Calzolari
direttore Montagne360

Ricordiamo che il testo integrale della lettera a Raffaele Guariniello è scaricabile qui.

0
Libertà in montagna e responsabilità giuridica ultima modifica: 2014-02-25T09:24:41+00:00 da Alessandro Gogna

2 thoughts on “Libertà in montagna e responsabilità giuridica”

  1. 2
    Jarred says:

    You, the criteria to consider these criteria to base which allows provide them
    to be stored when they are not dependable for life. California construction companies,
    factories, building, the prime contractor, for example,
    if you really know if they want with regard to your demands.
    On June 16, the prosecutor said,” which reduces your risk of a professional, licensed contractors are either residential specialists who are fully aware of the things safely.

    my website … web site; Jarred,

  2. 1
    Angelika says:

    Selection of siding contractors in provide Connecticut is to
    seek professional assistance. These are just examples.
    Getting provide it out completely. A skilled contractor can determine whether the
    sunroom. During this process, you should look for a handbag hoarder named Adina to an unauthorized person.

    Have a look at my webpage website (Angelika)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *