Parchi nazionali che vanno a Maometto

Le iniziative per trasformare l’ambiente naturale in uno spettacolo da luna park (una volta si diceva “da baraccone”, bisognerebbe ricominciare a usare quest’espressione!) continuano indefesse in tutto il mondo.

Il Glacier Skywalk nel Parco Nazionale di Jasper

skywalk-02_glacier_skywalk_canada_uffst
E’ stato appena inaugurato questo incredibile skywalk nel cuore del Parco Nazionale di Jasper, il più grande parco nazionale delle Canadian Rockies, con 10.878 km quadrati di wilderness montana nello stato canadese dell’Alberta. Il parco è stato istituito nel 1907, ed è quello delle meravigliose cascate di Sunwapta e Athabasca. Lo scopo dell’opera è quello di far passeggiare nel vuoto i turisti, regalando emozioni a basso prezzo (tanto paga l’ambiente…).

La piattaforma è un arco di vetro e ferro, si allontana 35 metri dal bordo roccioso, il pavimento è trasparente e permette di osservare la Sunwapta Valley ben 280 metri al di sotto dei propri piedi, oltre naturalmente ai ghiacciai e alle montagne.

Il nome di questo “prodigio architettonico” è Glacier Skywalk, ha richiesto due anni di lavoro per essere costruito e venti milioni di dollari. Inutile dire che l’iniziativa sta registrando un grosso successo di pubblico…

Infatti l’attrazione è ben pubblicizzata, si giunge perfino a dire che l’altezza alla quale si passeggia è maggiore di quattro metri rispetto alla terrazza panoramica che si trova sulla cima della Tour Eiffel.
Il pubblico estremamente emozionato sullo skywalkskywalk-05_glacier_skywalk_canada_uffst

skywalk-JasperNationalPark1

Una bella immagine del Parco Nazionale di Jasper

Il filmino pubblicitario

postato il 20 maggio 2014

0
Parchi nazionali che vanno a Maometto ultima modifica: 2014-05-20T00:51:02+00:00 da Alessandro Gogna

5 thoughts on “Parchi nazionali che vanno a Maometto”

  1. 5
    Bonardi Carlo - Brescia says:

    Si può vedere Vip Mio fratello superuomo, di Bruno Bozzetto (1968): occhio a Happy Betty!

  2. 4
    Matteo says:

    Che bello!

  3. 3
    Alberto Benassi says:

    Sì Luca, forse lo faranno. Appena nati metteranno un bel microchip sotto la pelle. Abbiamo già il codice fiscale.
    Ma forse… è quello che, più o meno, il gregge vuole.
    Provare emozioni, ma senza faticare e rischiare… il gregge…

  4. 2
    Luca Visentini says:

    C’inietteranno le emozioni direttamente nel cervello.

  5. 1
    Alberto Benassi says:

    A questa opera possiamo assegnare due primi premi:

    – capolavoro di ingegneria

    – capolavoro di degrado ambientale.

    Per provare delle emozioni basta ritornare in contatto con la natura selvaggia ed entrare in simbiosi con essa. Queste opere sono solo una finzione che non ti fanno entrare in contatto con la natura. Servono solo a rovinarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *