Strati di menzogne

Strati di menzogne
di Fulvio Grimaldi
(già pubblicato il 1° settembre 2018 su fulviogrimaldi.blogspot.com

Spessore 5  Impegno 3  Dismpegno 1

 

Caro Massimo Fini,

da un giornalista esperto e libero come Lei mi sarei aspettato una maggiore circospezione nei giudizi su Al Sisi, Fratelli Musulmani e Regeni e una minore adesione alla vulgata propagandistica del colonialismo occidentale (Il Fatto Quotidiano, “Il cielo poco stellato dei 5 Stelle tra Al Sisi e la guerra afghana“, 1 settembre 2018).

Hasan al-Banna fondatore dei Fratelli Musulmani.

 

Non dovrebbe esserle sfuggito che i FM, creatura partorita dagli inglesi nel 1924 contro il nascente risveglio panarabo, sono da sempre al servizio del recupero del controllo anglosassone sul mondo arabo, che Morsi, eletto appena dal 17% dei cittadini, è stato cacciato da una rivolta popolare di cui si sono fatti carico i militari, ma sostenuta da 20 milioni di firme, tra l’altro per la sua repressione sanguinosa dei copti e delle lotte operaie, per il suo integralismo religioso con l’imposizione della Sharìa a una nazione storicamente laica e per la sua fornitura di volontari al jihadismo anti-siriano. 

L’incontro del 29 agosto 2018 tra il Presidente egiziano  Abdel Fattah al-Sisi e la delegazione italiana di Luigi  Di Maio.

 

Se in Egitto vige un forte controllo sulla popolazione, non certo nei termini da Lei acriticamente sussunti dalla disinformazione occidentale (tenga presente le grottesche – e poi smentite – bufale di organi del Dipartimento di Stato come Amnesty o HRW su Iraq, Libia, Siria), dovrebbe anche dirsi che il paese è sottoposto a una feroce guerra terroristica dell’Isis che non distingue tra civili, poliziotti, soldati e alti funzionari dello Stato e che è il braccio armato dei FM. 

Dal sua articolo esplode una contraddizione sbalorditiva. L’Isis le va bene se massacra egiziani per conto dei suoi mandanti occidentali e del Golfo, e le va male quando sabota il sacrosanto sforzo di liberazione dei Taliban da questi stessi mandanti. 

Il Presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi.

 

Quanto a Regeni, ne andrei a vedere il curriculum, tutto segnato dalla formazione di quadri dell’Intelligence negli Usa, da collaborazione con gli spioni John Negroponte (Squadroni della Morte in Centroamerica e Iraq) e McColl (MI6) in “Oxford Analytica”, probabilmente soppresso dai suoi stessi datori di lavoro una volta bruciato dal video in cui offriva 10.000 dollari al sindacalista purché gli fornisse un “progetto”, ovviamente eversivo. Bruciato ma ancora da utilizzare da morto.

Non le provoca il minimo sospetto la circostanza che venisse tolto di mezzo nel momento in cui Roma e il Cairo concludevano grandi affari petroliferi a spese di altre potenze occidentali e serviva un cadavere tra i piedi di Al Sisi? 

Affermare poi che i servizi segreti egiziani, eredi di Nasser e Mubaraq, temuti in tutto il Medioriente, non siano capaci di far sparire un cadavere torturato,”come fa bene la mafia”, fa davvero torto alla sua rispettabile storia professionale. Il cadavere di Regeni, con terrificanti segni di tortura, andava trovato, visto, mostrato al mondo e utilizzato per togliere dalla scena politica e petrolifera egiziana un concorrente robusto come l’Italia dell’ENI. 

L’ex presidente egiziano Morsi.

 

 

Oltrechè per additare alla riprovazione universale un governante laico, sostenitore del generale Haftar in Libia, esponente dell’unico parlamento e governo eletti dai libici, e dalle intollerabili aperture verso la Russia di Putin.

Con stima,

Fulvio Grimaldi

0
Strati di menzogne ultima modifica: 2018-09-19T04:44:37+00:00 da Totem&Tabù

1 commento su “Strati di menzogne”

  1. 1
    Matteo says:

    Non ho letto Fini e non so chi sia Grimaldi, però riesce a inanellare una serie di cazzate impressionanti.

    Definire HRW e Amnesty International “organi del Dipartimento di Stato” o associare il povero (nato nel 1988) a John Negroponte e gli Squadroni della Morte in Centroamerica (1984) e Iraq (2004) è semplicemente schifoso e può essere fatto solo in malafede.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.